lunedì , 15 Aprile 2024
Home Cronaca Locale Tivoli – Omicidio Castellaccio, arrestati due romeni: “Preso a calci come un pallone”
Cronaca LocaleEvidenzaNewsPrimo Piano

Tivoli – Omicidio Castellaccio, arrestati due romeni: “Preso a calci come un pallone”

Pochi giorni dopo la morte di Alessandro Castellaccio, I carabinieri della Compagnia di Tivoli hanno dato esecuzione a un’ordinanza di applicazione della misura cautelare in carcere a carico di due cittadini rumeni (V.I., e N.M.), indagati del reato di omicidio volontario in concorso.

La misura cautelare eseguita è l’esito dell’immediata ed efficace indagine condotta dalla Compagnia dei Carabinieri di Tivoli sotto la costante direzione della Procura della Repubblica di Tivoli, che ha consentito di ricostruire con grande rapidità i fatti avvenuti nel pomeriggio di domenica 18 giugno nel centro storico cittadino.

Tivoli – Lavori su via Tiburtina: rifacimento totale dell’asfalto – FOTO

Un’aggressione violenta, avvenuta in un tranquillo pomeriggio estivo, dinanzi a un bar del centro storico di Tivoli. Il 41enne Alessandro Castellaccio, O.S.S. presso l’ospedale di Tivoli, facendo rientro a casa si era recato presso il bar per chiedere di abbassare il volume della musica che alcuni avventori ascoltavano nella vicina piazza. Ne è nata una discussione, subito degenerata probabilmente a causa della consistente quantità di alcool ingerita dai clienti del bar.

Alessandro Castellaccio è stato circondato dagli aggressori, cittadini romeni, e colpito da un pugno sferrato con inaudita violenza. Caduto a terra privo di sensi, è stato oggetto di ulteriori violenze fisiche da parte degli aggressori, venendo colpito ripetutamente da calci al viso da un soggetto “…come se tirasse calci a un pallone”. Alcuni dei presenti alla terribile scena si sono frapposti fra la vittima e i suoi aggressori, cercando di proteggere il corpo del 41enne da ulteriori colpi. All’arrivo della pattuglia dei Carabinieri di Tivoli, giunta sul posto dopo pochissimi minuti, tutti i presenti si sono fugacemente allontanati. Alcuni testimoni hanno fornito la loro versione dei fatti, mentre il 41enne veniva trasportato d’urgenza in ospedale, dove però, una settimana dopo, decedeva a causa dell’importante emorragia cerebrale causata dai colpi ricevuti.

Pragma piange Pierfrancesco Sciò: sospesa la raccolta differenziata in diversi comuni

Nella settimana in cui il 41enne italiano ha lottato tra la vita e la morte le indagini non si sono mai fermate. Numerosissime le testimonianze raccolte dai Carabinieri che insieme alle immagini estrapolate dalle telecamere, hanno permesso di individuare i presunti responsabili della brutale azione. A casa di N.M. sono state rinvenute delle scarpe sporche di sangue nella parte superiore. Il GIP di Tivoli, valutando il quadro investigativo raccolto, ha emesso stamane l’ordinanza di custodia cautelare in carcere nei confronti di due cittadini romeni.

Tivoli – Campolimpido, un campo sportivo polivalente per i cittadini: ecco come sarà

Leave a comment

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *